Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Rivascolarizzazione miocardica percutanea nei pazienti con presentazione tardiva di infarto STEMI


La gestione ottimale dei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) che si presentano tardivamente, più di 12 ore dopo l'insorgenza dei sintomi, è ancora oggetto di dibattito.

Sono state descritte le caratteristiche, le tendenze temporali e l'impatto della rivascolarizzazione in un'ampia popolazione di pazienti con infarto STEMI con presentazione tardiva.

Sono stati analizzati i dati di 3 studi osservazionali a livello nazionale dal programma FAST-MI ( French Registry of Acute ST-elevation and non-ST-elevation Myocardial Infarction ), condotti su un periodo di 1 mese nel 2005, 2010 e 2015.
I pazienti che si presentavano tra le 12 e le 48 ore dopo l'insorgenza dei sintomi sono stati classificati come tardivi.

In totale 6.273 pazienti con infarto STEMI sono stati inclusi nelle 3 coorti, 1.169 ( 18.6% ) dei quali erano tardivi.
Dopo l'esclusione dei pazienti trattati con fibrinolisi e dei pazienti deceduti entro 2 giorni dal ricovero, sono stati analizzati 1.077 pazienti, di cui 729 ( 67.7% ) sono stati rivascolarizzati entro 48 ore dal ricovero ospedaliero.

Al follow-up a 30 giorni, il tasso di mortalità per tutte le cause è risultato significativamente più basso tra i rivascolarizzati tardivi ( 2.1% vs 7.2%; P minore di 0.001 ).

Dopo un follow-up mediano di 58 mesi, il tasso di morte per qualsiasi causa è stato di 30.4 per 1.000 anni-paziente nel gruppo dei rivascolarizzati tardivi versus 78.7 per 1.000 anni-paziente nel gruppo dei non-rivascolarizzati tardivi ( P minore di 0.001 ).

Nell'analisi multivariata, la rivascolarizzazione dei pazienti con inafrto STEMI tardivo è stata associata indipendentemente a una significativa riduzione della mortalità durante il follow-up ( hazard ratio, HR=0.65; P=0.001 ).

La rivascolarizzazione coronarica dei pazienti con infarto STEMI tardivo è associata a migliori esiti clinici a breve e a lungo termine. ( Xagena2021 )

Bouisset F et al, J Am Coll Cardiol 2021; 78: 1291-1305

Cardio2021


Indietro