52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Pazienti post-infartuati: la resistenza all'insulina predice il rischio di eventi coronarici ricorrenti


I ricercatori hanno studiato il rischio di eventi coronarici ricorrenti associati alla resistenza all'insulina nei pazienti post-infartuati che avevano preso parte allo studio THROMBO ( Thrombogenic Factors and Recurrent Coronary Events ).

L'associazione tra insulino-resistenza espressa da HOMA2-IR ( Homeostatic Model Assessment 2 for Insulin Resistance ) e il rischio di eventi coronarici ricorrenti è stato studiato in una coorte di 1.032 pazienti valutati 2 mesi dopo infarto miocardico con un periodo di follow-up di 26 mesi.

L'endpoint dello studio era rappresentato da eventi coronarici ricorrenti definiti come morte cardiaca, infarto miocardico non-fatale, o angina instabile.

I ricercatori hanno usato analisi di sopravvivenza tempo-dipendente e metodo di regressione dei rischi proporzionali di Cox per determinare l'associazione tra HOMA2 classificato come maggiore del 75° percentile e gli endpoint dopo aggiustamento per le covariate cliniche rilevanti e serie di fattori trombogenici e dislipogenici.

Alti valori di HOMA2-IR definiti come quarto quartile ( maggiore o uguale a 2.4 ) sono stati associati a un aumentato rischio di eventi coronarici ricorrenti ( hazard ratio, HR=1.44; [ CI ] 1.03-2.01; P=0.03 ) dopo aggiustamento per le covariate cliniche: età, sesso, diabete mellito, precedente infarto miocardico, congestione polmonare, CABG ( bypass delle arterie coronariche ) e PTCA ( angioplastica coronarica transluminale percutanea ).

Il più alto rischio di eventi cardiaci è stato osservato nei pazienti non-obesi ( indice di massa corporea [ BMI ] inferiore o uguale a 30 kg/m2 ) con alti valori di HOMA2-IR ( HR=1.5; [CI] 1.02-2.22; p=0.038 ).

Il livello plasmatico di PAI-1( inibitore dell’attivatore del plasminogeno di tipo 1 ) è stato associato ad alto rischio di eventi coronarici ricorrenti in pazienti con insulino-resistenza ( HR=1.79; [CI] 1.05-3.03; P=0.03, P per interazione =0.018 ).

In conclusione, l'insulino-resistenza predice le recidive di eventi coronarici nella popolazione post-infartuata.
HOMA2-IR è migliore dell’indice BMI nella stratificazione del rischio di eventi coronarici ricorrenti. ( Xagena2015 )

Szepietowska B et al, J Cardiol 2015; Epub ahead of print

Cardio2015 Endo2015



Indietro