Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Malattia dell’arteria coronaria e malattia cardiaca nei pazienti con infarto miocardico di tipo 2


L'infarto miocardico di tipo 2 è causato da uno squilibrio tra domanda e offerta di ossigeno del miocardio e la sua diagnosi è sempre più comune con l'avvento dei test della troponina cardiaca ad alta sensibilità ( (hs-cT ). Sebbene questa diagnosi sia associata a risultati sfavorevoli, tra i medici permangono incertezza e confusione diffuse su come indagare e gestire questo gruppo eterogeneo di pazienti con infarto miocardico di tipo 2.

In uno studio prospettico di coorte, 8.064 pazienti consecutivi con concentrazioni aumentate di troponina cardiaca sono stati selezionati per identificare i pazienti con infarto miocardico di tipo 2.

Sono stati esclusi i pazienti con fragilità o insufficienza renale o epatica. Tutti i partecipanti allo studio sono stati sottoposti a imaging coronarico ( angiografia invasiva o con tomografia computerizzata ) e cardiaco ( risonanza magnetica o ecocardiografia ) e le cause alla base dell'infarto sono state giudicate in modo indipendente.

L'esito primario era la prevalenza della malattia coronarica.

In 100 pazienti con diagnosi provvisoria di infarto miocardico di tipo 2 ( età mediana, 65 anni; 43% donne ), l'imaging coronarico e cardiaco ha riclassificato la diagnosi in 7 pazienti: infarto miocardico di tipo 1 o 4b in 5 pazienti e danno miocardico acuto in 2 pazienti.

In quelli con infarto miocardico di tipo 2, le concentrazioni mediane di troponina cardiaca I sono state 195 ng/l alla presentazione e 1.165 ng/l al test ripetuto.
La prevalenza della malattia coronarica è stata del 68% ( 63 su 93 ), ostruttiva nel 30% dei casi ( 28 su 93 ).

Nel 42% ( 39 su 93 ) sono stati osservati una captazione tardiva del Gadolinio pattern infartuale o anomalie del movimento della parete regionale e nel 34% ( 32 su 93 ) è stata osservata una disfunzione sistolica del ventricolo sinistro.

Solo 10 pazienti avevano sia l'imaging coronarico che quello cardiaco normali.

La malattia coronarica e la disfunzione sistolica del ventricolo sinistro non erano state precedentemente riconosciute nel 60% ( 38 su 63 ) e nell'84% ( 27 su 32 ) dei pazienti, rispettivamente, con solo il 33% ( 21 su 63 ) e il 19% ( 6 su 32 ) in trattamento basato sull’evidenza.

L'imaging coronarico e cardiaco sistematico di pazienti con infarto miocardico di tipo 2 ha identificato la malattia coronarica in due terzi e la disfunzione sistolica del ventricolo sinistro in un terzo dei pazienti.

La malattia coronarica o malattia cardiaca non-riconosciuta e non-trattata è osservata nella maggior parte dei pazienti con infarto miocardico di tipo 2, presentando opportunità per l'inizio di trattamenti basati sull'evidenza con un grande potenziale di miglioramento degli esiti clinici. ( Xagena2022 )

Bularga A et al, Circulation 2022; 145: 1188-1200

Cardio2022



Indietro