Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Livelli pre-procedurali di glicemia e il rischio di danno renale indotto dal mezzo di contrasto nei pazienti che si devono sottoporre ad angiografia coronarica


Uno studio ha valutato se i livelli pre-procedurali di glicemia siano associati a danno renale acuto indotto dal mezzo di contrasto dopo angiografia coronarica.

Benché il diabete sia un fattore di rischio noto per danno renale acuto indotto dai mezzi di contrasto nei pazienti che si devono sottoporre ad angiografia coronarica, non è noto se alti livelli di glicemia pre-procedurali ( indipendentemente da un diabete mellito pre-esistente ) siano associati a un maggior rischio di tale danno.

Nello studio sono stati valutati 6.358 pazienti con infarto acuto del miocardio che si dovevano sottoporre ad angiografia coronarica.

I pazienti sono stati stratificati in 5 gruppi in base ai livelli di glicemia pre-procedurale: inferiore a 110 mg/dl, da 110 a meno di 140 mg/dl, da 140 a meno di 170 mg/dl, da 170 a meno di 200 mg/dl e maggiore o uguale a 200 mg/dl.

L’esito primario era il danno renale acuto indotto dal mezzo di contrasto ( aumento della creatinina sierica assoluto [ maggiore o uguale a 0.3 mg/dl ] o relativo [ maggiore o uguale a 50% ] nelle 48 ore dopo la procedura ).

La relazione tra glicemia pre-procedurale e danno renale acuto indotto dal mezzo di contrasto ha mostrato grandi differenze nei pazienti con e senza diabete.

È stata osservata una forte associazione tra glucosio e danno renale acuto indotto dal contrasto in pazienti senza diabete mellito ( tassi di danno renale acuto indotto dal contrasto tra i 5 gruppi di livello di glucosio dal più basso al più alto: 8.2%, 9.9%, 12.4%, 14.9% e 24.3%; p inferiore a 0.001 ), ma non nei pazienti con diabete mellito ( 20.9%, 16.1%, 16.3%, 14.8% e 19.2%, rispettivamente; p=0.24; p per interazione glicemia x diabete, inferiore a 0.001 ).

Dopo aggiustamento per fattori confondenti ( inclusa la velocità di filtrazione glomerulare basale ), la relazione tra le più alte concentrazioni di glicemia e il maggior rischio di danno renale acuto indotto dal mezzo di contrasto è persistita nei pazienti senza diabete ( odds ratio per i gruppi con livello di glicemia da 110 a meno di 140 mg/dl, da 140 a meno di 170 mg/dl, da 170 a meno di 200 mg/dl e maggiore o uguale a 200 mg/dl: 1.31, 1.51, 1.58, e 2.14 versus glicemia inferiore a 110 mg/dl, rispettivamente ), ma tale relazione non è stata osservata nei pazienti con diabete.

In conclusione, elevati livelli pre-procedurali di glicemia sono associati a un maggior rischio di danno renale acuto indotto dal mezzo di contrasto nei pazienti senza diabete che si devono sottoporre ad angiografia coronarica nel contesto di un infarto acuto del miocardio.
Per questi pazienti dovrebbero essere prese in considerazione misure per prevenire tale danno. ( Xagena2010 )

Stolker JM et al, J Am Coll Cardiol 2010; 55: 1433-1440


Cardio2010 Endo2010 Nefro2010 Diagno2010



Indietro