Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Ischemia miocardica indotta da stress mentale nei giovani pazienti con recente infarto miocardico: differenze di sesso e meccanismi


L'ischemia miocardica indotta da stress mentale è frequente nei pazienti con malattia coronarica ed è associata a prognosi sfavorevole.
Le giovani donne con un precedente infarto miocardico, un gruppo con mortalità superiore non spiegata rispetto agli uomini di età comparabile, hanno mostrato tassi elevati di ischemia miocardica indotta da stress mentale, ma i meccanismi sono sconosciuti.

Sono stati studiati 306 pazienti ( 150 donne e 156 uomini ) di età inferiore o uguale a 61 anni che sono stati ospedalizzati per infarto miocardico negli ultimi 8 mesi e 112 pazienti di controllo ( 58 donne e 54 uomini ) abbinati per sesso ed età ai pazienti con infarto miocardico.

La dilatazione mediata dal flusso endotelio-dipendente e la reattività microvascolare ( indice di iperemia reattiva ) sono state misurate a riposo e 30 minuti dopo lo stress mentale.
La risposta vasomotoria digitale allo stress mentale è stata valutata utilizzando la tonometria arteriosa periferica.

I pazienti hanno ricevuto imaging di perfusione miocardica con 99m Tc-sestamibi a riposo, con stress mentale ( esercizio verbale ) e stress convenzionale ( esercizio fisico / farmacologico ).

L'età media del campione era di 50 anni. Nel gruppo infarto miocardico, ma non tra i controlli, le donne avevano un profilo socioeconomico e psicosociale più negativo rispetto agli uomini.
Non c’erano differenze di sesso nei fattori di rischio cardiovascolare, e tra i pazienti con infarto miocardico, la gravità clinica tendeva a essere più bassa nelle donne.

Le donne in entrambi i gruppi hanno mostrato un più elevato rapporto periferico di tonometria arteriosa durante lo stress mentale, ma un indice di iperemia reattiva inferiore dopo lo stress mentale, che è indice di una aumentata disfunzione microvascolare dopo lo stress.

Non ci sono state differenze di sesso nei cambiamenti di dilatazione mediati dal flusso con lo stress mentale.

Il tasso di ischemia miocardica indotta da stress mentale è stato due volte più alto nelle donne che negli uomini ( 22% vs 11%, P=0.009 ), e l'ischemia con stress convenzionale è stata ugualmente elevata ( 31% vs 16%, P=0.002 ).

I fattori di rischio psicosociale e clinico non hanno spiegato le differenze di sesso nella ischemia inducibile.
Sebbene le risposte vascolari allo stress mentale ( rapporto di tonometria arteriosa periferica e indice di iperemia reattiva ) non abbiano spiegato le differenze tra i sessi nella ischemia miocardica indotta da stress mentale, erano predittive di ischemia miocardica indotta da stress mentale solo nelle donne.

In conclusione, le giovani donne dopo infarto miocardico hanno una probabilità doppia di sviluppare ischemia miocardica indotta da stress mentale rispetto agli uomini e un aumento simile nell'ischemia da stress convenzionale.
La disfunzione microvascolare e la vasocostrizione periferica con stress mentale sono implicate nell'ischemia miocardica indotta da stress mentale tra le donne ma non tra gli uomini, forse riflettendo la propensione delle donne verso l'ischemia a causa di anomalie del microcircolo. ( Xagena2018 )

Vaccarino V et al, Circulation 2018; 137: 794-805

Cardio2018 Psyche2018



Indietro