Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Infarto STEMI: danno miocardico nei pazienti con impianto di stent posticipato


Sebbene alcuni studi abbiano trovato un miglioramento del flusso coronarico e del recupero del miocardio quando l'impianto dello stent è stato differito, lo studio DANAMI-3-DEFER ( Third DANish Study of Optimal Acute Treatment of Patients With ST-elevation Myocardial Infarction ) non ha mostrato alcun miglioramento nei risultati clinici dei pazienti con infarto miocardico con innalzamento del tratto ST ( STEMI ) trattati con intervento coronarico percutaneo primario ( PCI ) e impianto di stent differito.

Un sottostudio di DANAMI-3 ha cercato di valutare l'effetto dell'impianto di stent differito su dimensioni dell'infarto, recupero miocardico e ostruzione microvascolare in pazienti con infarto STEMI.

In totale 510 pazienti con infarto STEMI sono stati randomizzati a procedura PCI con impianto di stent differito rispetto all'immediato.
I pazienti sono stati sottoposti a un esame di risonanza magnetica cardiaca prima della dimissione dopo la procedura indice e in seguito dopo 3 mesi.

L'endpoint primario era la dimensione finale dell'infarto miocardico.

L’impianto posticipato dello stent non ha ridotto la dimensione dell'infarto finale ( ventricolo sinistro 9% LV; intervallo interquartile IQR: dal 3% al 18% vs 10% LV; IQR: dal 3% al 18%; P=0.67 ).

Allo stesso modo, l’impianto di stent differito non è stato associato a salvataggio del miocardio indice ( 66%; IQR: 50%-89% vs 67%; IQR: 49%-88%; P=0.80 ) o a presenza di ostruzione microvascolare ( 43% vs 42%; P=0.78 ).

In un'analisi post hoc, la lunghezza dello stent è stato l'unico sottogruppo di 7 che ha avuto un effetto sul risultato.

Nei pazienti con una lunghezza dello stent maggiore o uguale a 24 mm, l’impianto di stent differito ha ridotto la dimensione finale dell'infarto miocardico ( 6% LV; IQR: 2%-18% vs 13% LV; IQR: 7%- 23%; P=0.006; P per interazione=0.005 ).

In conclusione, nel sottostudio di risonanza magnetica cardiaca DANAMI-3-DEFER, l’impianto di stent, di routine, differito non ha ridotto la dimensione dell'infarto miocardico o dell'ostruzione microvascolare e non ha aumentato il salvataggio del miocardio.
Questi risultati non supportano l'uso di routine dell’impianto di stent differito nei pazienti con infarto STEMI sottoposti a procedura PCI primario. ( Xagena2017 )

Lønborg J et al, J Am Coll Cardiol 2017; 69: 2794-2894

Cardio2017



Indietro