52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Defibrillatore cardioverter indossabile nei pazienti ad alto rischio di arresto cardiaco precoce post-infarto


Uno studio ha descritto l'uso del defibrillatore cardioverter esterno indossabile ( WCD ) durante i periodi di attesa dopo infarto miocardico per i pazienti ad alto rischio di arresto cardiaco improvviso.

Le attuali lineeguida del dispositivo richiedono periodi di attesa di 40 giorni o 3 mesi prima di impiantare un defibrillatore cardioverter post-infarto miocardico, a seconda che sia stata effettuata o meno la rivascolarizzazione acuta.

Sono state valutate le caratteristiche e gli esiti per i pazienti che hanno avuto una prescrizione per l’uso di un defibrillatore cardioverter indossabile nei primi 3 mesi dopo l’infarto del miocardio e con una frazione di eiezione minore o uguale al 35%.

Nel periodo 2005-2011, 8.453 pazienti ( età 62.7 anni, 73% maschi ) hanno soddisfatto i criteri dello studio.

In totale, 133 pazienti ( 1.6% ) hanno ricevuto 309 impulsi appropriati.
Di questi pazienti, il 91% è stato resuscitato da una aritmia ventricolare.

Per i pazienti che hanno subito le scariche, la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) è stata minore o uguale al 30% in 106, dal 30% al 35% in 17, maggiore del 36% in 8 e non-riportata in 2 pazienti.

All’interno del 38% dei pazienti non-rivascolarizzati, l’84% ha presentato FEVS minore o uguale al 30%; all’interno del 62% dei pazienti rivascolarizzati, il 77% ha avuto FEVS minore o uguale al 30%.

Il tempo medio dall'infarto miocardico indice alla terapia con defibrillatore cardioverter indossabile è stato di 16 giorni.
Dei pazienti trattati, il 75% ha ricevuto il trattamento nel primo mese e il 96% entro i primi 3 mesi di utilizzo.

Il successo delle scariche con conseguente sopravvivenza è stato dell'84% nei pazienti non-rivascolarizzati e del 95% in quelli rivascolarizzati.

In conclusione, durante i periodi di attesa di 40 giorni e 3 mesi nei pazienti dopo infarto del miocardio, il defibrillatore cardioverter indossabile ha trattato con successo l’arresto cardiaco improvviso nell’1.4% dei casi; il rischio è stato più alto nel primo mese di utilizzo del dispositivo.
Il defibrillatore cardioverter indossabile può essere di beneficio in singoli pazienti selezionati per alto rischio di arresto cardiaco improvviso precoce post-infarto del miocardio. ( Xagena2013 )

Epstein AE et al, J Am Coll Cardiol 2013; 62: 21: 2000-2007

Cardio2013



Indietro