Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Caratteristiche cliniche ed esiti dei pazienti con infarto miocardico di tipo 2: studio TRACER


L'infarto miocardico di tipo 2 è caratterizzato da uno squilibrio tra domanda e offerta di sangue del miocardio, che porta a ischemia miocardica senza rottura della placca coronarica, ma la sua diagnosi è difficile.

Nello studio TRACER ( Thrombin Receptor Antagonist for Clinical Event Reduction in Acute Coronary Syndrome ) sono stati inclusi pazienti con sindromi coronariche acute con sopraslivellamento del segmento ST.
Sono stati descritti i fattori provocanti, i profili di biomarcatori cardiaci, gli schemi di trattamento e gli esiti clinici dei pazienti con infarto miocardico di tipo 2.
Gli eventi di infarto miocardico durante il follow-up sono stati giudicati da un Comitato indipendente di classificazione degli eventi clinici ( CEC ), e sono stati classificati in base ai criteri TUDMI ( Terza Definizione Universale di Infarto miocardico ).

È stata studiata l'associazione tra il tipo di infarto miocardico ( tipo 1 o tipo 2 ) e la morte cardiovascolare.

Complessivamente, il 10.3% ( n=1.327 ) dei partecipanti a TRACER ha avuto in totale 1.579 infarti miocardici durante un follow-up mediano di 502 giorni.
Di tutti gli infarti, il 5.2% ( n=82 ) è stato considerato dal CEC di tipo 2, infarti verificatisi in 76 pazienti.
L'incidenza di infarto miocardico di tipo 2 è stata più alta nel primo mese successivo alla randomizzazione, dopo di che la distribuzione è stata più uniforme.

I fattori scatenanti potenziali più frequenti per infarto miocardico di tipo 2 sono stati tachiaritmie ( 38.2% ), anemia / sanguinamento ( 21.1% ), ipotensione / shock ( 14.5% ) ed emergenze ipertensive ( 11.8% ).
Complessivamente, il 36.3% ha presentato un aumento della troponina superiore a 10 volte il limite superiore della norma.

L'angiografia coronarica è stata eseguita nel 22.4% ( n=17 ) dei pazienti durante le ospedalizzazioni a causa di infarto miocardico di tipo 2.
Il rischio di morte cardiovascolare è risultato numericamente più elevato dopo infarto miocardico di tipo 2 ( rispetto a nessun infarto miocardico, hazard ratio, HR=11.82; P minore di 0.0001 ) rispetto a quello di infarto miocardico di tipo 1 ( rispetto a nessun inafrto miocardico, HR=8.90; P minore di 0.0001 ).

In conclusione, gli infarti del miocardio di tipo 2 sono risultati più prevalenti nel primo mese dopo la sindrome coronarica acuta, caratterizzati dalla presenza di fattori scatenanti e da un uso infrequente di una strategia invasiva e sono stati associati a un alto rischio di mortalità.
Sono necessari ulteriori sforzi per definire meglio il ruolo e le implicazioni dell'infarto miocardico di tipo 2 sia nella pratica clinica che nella ricerca. ( Xagena2018 )

Guimarães PO et al, Am Heart J 2018; 196: 28-35

Cardio2018



Indietro