52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Beta-bloccanti e mortalità dopo infarto miocardico acuto in pazienti senza insufficienza cardiaca o disfunzione ventricolare


Per l’infarto miocardico acuto senza insufficienza cardiaca, non è chiaro se i beta-bloccanti siano associati a una ridotta mortalità.
L'obiettivo di questo studio era di determinare l'associazione tra l'uso di beta-bloccanti e la mortalità in pazienti con infarto miocardico acuto senza insufficienza cardiaco o disfunzione sistolica ventricolare sinistra ( LVSD ).

Questo studio di coorte ha utilizzato i dati del Registro nazionale inglese e gallese del Myocardial Ischaemia National Audit Project.
Sono stati valutati 179.810 sopravvissuti all’ospedalizzazione con infarto miocardico acuto senza scompenso cardiaco o disfunzione sistolica ventricolare sinistra, tra il 2007 e il 2013 ed è stata studiata l'associazione tra l'uso di beta-bloccanti e la mortalità a 1 anno.

Dei 91.895 pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) e 87.915 pazienti con infarto miocardico senza sopraslivellamento del segmento ST ( NSTEMI ), 88.542 ( 96.4% ) e 81.933 ( 93.2% ) hanno ricevuto beta-bloccanti, rispettivamente.

Per l'intera coorte, con più di 163.772 anni-persona di osservazione, ci sono stati 9.373 decessi ( 5.2% ).
La mortalità a 1 anno non-aggiustata è stata più bassa per i pazienti che avevano ricevuto beta-bloccanti rispetto a quelli che non li avevano ricevuti ( 4.9% vs 11.2%; P minore di 0.0001 ).

Tuttavia, dopo ponderazione e aggiustamento, non vi è stata alcuna differenza significativa nella mortalità tra quelli con e senza uso di beta-bloccanti ( coefficiente di effetto medio del trattamento ATE: 0.07, P=0.827 ).

I risultati sono stati simili per infarto STEMI ( coefficiente ATE: 0.30; P=0 ) e per infarto NSTEMI ( coefficiente ATE: -0.07; P=0.819 ).

In conclusione, tra i sopravvissuti all'ospedalizzazione con infarto miocardico acuto che non presentavano insufficienza cardiaca o disfunzione sistolica del ventricolo sinistro come registrato in ospedale, l'uso di beta-bloccanti non è risultato associato a un minore rischio di morte in qualsiasi momento fino a 1 anno. ( Xagena2017 )

Steinberg ZL et al, J Am Coll Cardiol 2017; 69: 2710-2720

Cardio2017 Farma2017


Indietro