Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Predizione di gravi eventi aritmici nei pazienti con funzione ventricolare sinistra depressa dopo infarto miocardico acuto


Ricercatori dello studio CARISMA ( Cardiac Arrhythmias and Risk Stratification after Acute Myocardial Infarction ) hanno esaminato la capacità dei test di stratificazione del rischio di predire gravi eventi aritmici dopo infarto miocardico acuto ( IMA ) nei pazienti con ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS minore o uguale a 40% ).

Uno screening su 5.869 pazienti consecutivi ha permesso di identificare 312 pazienti, di età media 65 anni, con un valore medio di FEVS del 31%.

L’endpoint primario dello studio era rappresentato dalla fibrillazione ventricolare documentata all’ECG o la tachicardia ventricolare sostenuta sintomatica.

Nel corso del periodo di follow-up di 2 anni, sono stati riscontrati 25 endpoint primari ( 8% ).

I più forti predittori dell’endpoint primario sono risultate le misurazioni della variabilità della frequenza cardiaca, ad esempio l’hazard ratio ( HR ) per la ridotta componente a frequenza molto bassa ( inferiore a 5.7 ln ms2 ) aggiustata per le variabili cliniche è stato pari a 7 ( p
Anche l’induzione di tachicardia ventricolare monomorfa sostenuta durante PES ( stimolazione elettrica programmata ) ( HR aggiustato = 4.8; p=0.003 ) era in grado di predire l’endpoint primario.

In conclusione, le aritmie fatali o quasi-fatali possono essere predette da molti metodi di stratificazione del rischio, soprattutto dalla variabilità della frequenza cardiaca, nei pazienti con FEVS ridotta dopo infarto miocardico acuto. ( Xagena2009 )

Huikuri HV et al, Eur Heart J 2009; 30: 689-698


Cardio2009


Indietro