Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

N-Acetilcisteina precoce con terapia a base di nitrati nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo primario per infarto STEMI riduce le dimensioni dell'infarto miocardico


La gestione dell'infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) coinvolge l'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario, con studi in corso incentrati sulla riduzione della dimensione dell'infarto mediante terapie accessorie.
L'N-Acetilcisteina ( NAC; Acetilcisteina ) è un antiossidante con proprietà di riduzione delle specie reattive dell'ossigeno ( ROS ) che potenzia anche gli effetti della Nitroglicerina e rappresenta quindi una terapia ancillare potenzialmente benefica nell'intervento coronarico percutaneo primario.

Lo studio NACIAM ( N-acetylcysteine in Acute Myocardial Infarction ) ha esaminato gli effetti della NAC sulla dimensione dell'infarto nei pazienti con infarto STEMI sottoposti a intervento coronarico percutaneo.

Questo studio multicentrico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo ha valutato gli effetti della N-Acetilcisteina ad alte dosi per via endovenosa ( 29 g in 2 giorni ) con Nitroglicerina a basso dosaggio ( 7.2 mg in 2 giorni ) sulle dimensioni dell’infarto miocardico valutato alla risonanza magnetica cardiaca precoce.
Gli endpoint secondari hanno incluso il salvataggio del miocardio determinato da risonanza magnetica cardiaca e la cinetica della creatin-chinasi.

Su 112 pazienti randomizzati con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST, 75 ( 37 nel gruppo NAC, 38 nel gruppo placebo ) sono stati sottoposti a risonanza magnetica cardiaca precoce.
La durata mediana del pretrattamento ischemico è stata di 2.4 ore.

Con l'infusione di Nitroglicerina somministrata a tutti i pazienti, quelli randomizzati a NAC hanno mostrato una riduzione assoluta del 5.5% nella dimensione dell'infarto cardiaco valutata con risonanza magnetica rispetto al placebo ( mediana, 11.0% vs 16.5%, P=0.02 ).

Il salvataggio del miocardio è approssimativamente raddoppiato nel gruppo NAC ( 60% ) rispetto al placebo ( 27%, P minore di 0.01 ) e le aree sotto la curva mediane di creatin-chinasi sono state 22.000 e 38.000 IU all’ora nel gruppo NAC e nei gruppi placebo, rispettivamente ( P=0.08 ).

In conclusione, la N-Acetilcisteina per via endovenosa ad alte dosi somministrata con Nitroglicerina endovenosa a basso dosaggio è associata a una ridotta dimensione dell'infarto in pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST sottoposti a intervento coronarico percutaneo.
È necessario uno studio più ampio per valutare l'impatto di questa terapia sugli esiti clinici cardiaci. ( Xagena2017 )

Pasupathy S et al, Circulation 2017; 136: 894-903

Cardio2017 Farma2017


Indietro