Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Mortalità a un anno per la Bivalirudina versus Eparina più trattamento opzionale con inibitori della glicoproteina IIb/IIIa iniziato in ambulanza per infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST


C’è incertezza riguardo ai potenziali benefici di sopravvivenza della Bivalirudina rispetto all'Eparina con l'uso di routine o facoltativo di inibitori della glicoproteina IIb/IIIa ( GPI ) nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ).
Pochi dati sono disponibili sulla mortalità a lungo termine nel contesto della pratica contemporanea con uso frequente dell’accesso radiale e nuovi inibitori del recettore piastrinico P2Y12 della adenosina difosfato.

È stato valutato l'effetto della monoterapia con Bivalirudina rispetto a Eparina non-frazionata o a basso peso molecolare più inibitori della glicoproteina, facoltativi, sulla mortalità a 1 anno nello studio clinico internazionale randomizzato in aperto EUROMAX ( European Ambulance Acute Coronary Syndrome Angiography ), che ha coinvolto 2.198 pazienti con infarto STEMI sottoposti a trasporto per intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario dal 2010 al 2013 e seguiti per 1 anno.

I pazienti sono stati randomizzati in ambulanza alla monoterapia con Bivalirudina versus Eparina non-frazionata o a basso peso molecolare più inibitori GP, opzionali ( gruppo di controllo ).

L'esito primario era la mortalità a 1 anno.Tutti i decessi sono stati giudicati come cardiaci o non-cardiaci.
La mortalità a 1 anno è stata valutata ed esaminata in più sottogruppi pre-specificati.

Dei 2.198 pazienti arruolati ( 1.675 uomini, 76.2%, e 523 donne, 23.8%, età mediana 62 anni ), erano disponibili dati completi di follow-up a 1 anno per 2.164 ( 98.5%).

La mortalità a 1 anno per tutte le cause si è verificata in 118 pazienti ( 5.4% ). Il numero di decessi per tutte le cause è stato uguale per entrambi i gruppi di trattamento ( 59 decessi, rischio relativo RR, 1.02, P=0.92 ).

Non sono state osservate differenze nei tassi di morte cardiaca a 1 anno ( 44, 4.0%, per il gruppo Bivalirudina vs 48, 4.3%, per il gruppo di controllo: RR, 0.93, P=0.74 ) o morte non-cardiaca ( 15, 1.4%, per il gruppo Bivalirudina vs 11, 1.0%, per il gruppo di controllo: RR 1.39, P=0.40 ).

I risultati sono stati costanti tra i sottogruppi di pazienti prespecificati.

Anche il tasso di decessi che si sono verificati da 30 giorni a 1 anno è stato simile ( 27, 2.5%, nel gruppo Bivalirudina vs 25, 2.3%, nel gruppo di controllo: RR, 1.10, P=0.73 ).

In conclusione, nei pazienti con infarto STEMI trasportati in ambulanza per intervento coronarico percutaneo primario, il trattamento con Bivalirudina o con Eparina con uso opzionale di inibitori GP ha portato a mortalità simile a 1 anno
L'endpoint composito ridotto di morte e/o sanguinamento maggiore a 30 giorni nel braccio Bivalirudina dello studio EUROMAX non si è tradotto in un numero minore di decessi cardiovascolari o di decessi per tutte le cause a 1 anno. ( Xagena2017 )

Fabris E et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 791-796

Cardio2017 Farma2017


Indietro