Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Livelli serici di potassio e mortalità nell’infarto acuto del miocardio


Le lineeguida pratiche raccomandano di mantenere i livelli sierici di potassio tra 4.0 e 5.0 mEq/L in pazienti con infarto acuto del miocardio.

Queste linee guida sono basate su studi di piccole dimensioni che hanno associato bassi livelli di potassio ad aritmie ventricolari nell’era pre-beta-bloccanti e pre-riperfusione e mancano studi attuali che esaminino la relazione tra livelli di potassio e mortalità in pazienti con infarto miocardico acuto ( IMA ).

Uno studio ha determinato la relazione tra livelli sierici di potassio e mortalità in ospedale per pazienti con infarto acuto del miocardio nell’era dei beta-bloccanti e della terapia di riperfusione.

Lo studio retrospettivo di coorte si è basato sul database Cerner Health Facts, che include 38.689 pazienti con infarto acuto del miocardio ( confermato mediante i biomarcatori ), ricoverati in 67 ospedali statunitensi nel periodo 2000-2008.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti in ospedale a misurazioni del potassio sierico e sono stati raggruppati in base ai livelli sierici di potassio dopo il ricovero ( inferiore a 3, tra 3 e inferiore a 3.5, tra 3.5 e inferiore a 4.0, tra 4 e inferiore a 4.5, tra 4.5 e inferiore a 5, tra 5 e inferiore a 5.5, e maggiore o uguale a 5.5 mEq/L ).

Le principali misure di esito erano la mortalità in ospedale per tutte le cause e un composito di fibrillazione ventricolare o arresto cardiaco.

È stata osservata una relazione a U ( U-shaped ) tra il livello sierico medio di potassio post-ricovero e la mortalità in ospedale che è rimasta dopo aggiustamento per variabili multiple.

Rispetto al gruppo di riferimento da 3.5 a meno di 4.0 mEq/L ( tasso di mortalità: 4.8% ), la mortalità è risultata comparabile per valori medi di potassio post-ricovero da 4.0 a meno di 4.5 mEq/L ( 5.0%; odds ratio ( OR ) aggiustato per variabili multiple, aOR=1.19 ).

La mortalità è risultata 2 volte maggiore per i livelli di potassio tra 4.5 e meno di 5.0 mEq/L ( 10.0%; OR aggiustato per variabili multiple, 1.99 ) e anche maggiore per gruppi con livelli di potassio più alti.

In modo simile, i tassi di mortalità sono risultati più alti per i livelli di potassio inferiori a 3.5 mEq/L.

Di contro, tassi di fibrillazione ventricolare o arresto cardiaco sono risultati più alti solo tra i pazienti con livelli di potassio inferiori a 3.0 mEq/L e a livelli uguali o superiori a 5.0 mEq/L.

In conclusione, tra i pazienti con infarto acuto del miocardio, la mortalità più bassa è stata osservata in quelli con livelli di potassio post-ricovero compresi tra 3.5 e meno di 4.5 mEq/L, rispetto a quelli con livelli di potassio più alti o più bassi. ( Xagena2012 )

Goyal A et al, JAMA 2012; 307: 157-164

Cardio2012



Indietro