Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Infarto acuto del miocardio: la glicemia in ambito ospedaliero è un forte predittore di mortalità


Sia una storia di diabete mellito sia elevati livelli di glucosio in ambito ospedaliero predicono la mortalità dopo infarto acuto del miocardio, tuttavia solo la storia di diabete ( e non i livelli di glicemia ) vengono normalmente presi in considerazione nella valutazione del rischio di infarto miocardico acuto ( IMA ).

Un gruppo di Ricercatori di Hamilton Health Sciences in Ontario ( Canada ), hanno condotto un’analisi post-hoc di 2 studi randomizzati e controllati di infarto acuto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) per confrontare il valore prognostico dei livelli glicemici in ambiente ospedaliero con la storia di diabete mellito in 30.536 soggetti.

Sono stati documentati i livelli di medi di glucosio in ospedale ( media dei livelli di glicemia all’ammissione, a 6 ore e a 24 ore ), la storia di diabete mellito e la morte a 30 giorni ( verificatasi in 2.808 soggetti ).

Il livello medio di glucosio è risultato predittivo di morte a 30 giorni ( OR=1.10 per 1 mmol/L [ 18 mg/dL ] di aumento; P
Di contro, la storia di diabete mellito da sola è risultata predittiva di morte a 30 giorni ( OR=1.63; P
Gli indici-C ( aree sotto la curva ROC ) per la mortalità a 30 giorni sono stati pari a 0.54 per la storia di diabete mellito da sola, 0.64 per il livello medio di glucosio da solo e 0.64 per glucosio più diabete.

Livelli di glucosio più elevati sono risultati predittivi di mortalità in pazienti con e senza storia di diabete mellito, ma questa relazione è risultata più forte per i soggetti non-diabetici tanto che il loro tasso di mortalità a 30 giorni ( 13.2% ) combaciava con quello dei pazienti diabetici ( 13,7% ) con livelli di glucosio medi maggiori o uguali a 144 mg/dL ( 8 mmol/L ) ( P=0.55 dopo aggiustamento per variabili multiple ).

In conclusione, benchè la storia di diabete venga in genere presa in considerazione nella stratificazione del rischio di pazienti con infarto acuto del miocardio, i livelli di glucosio in ospedale sono predittori di mortalità molto più forti e dovrebbero essere incorporati nella loro valutazione del rischio.
I pazienti con infarto miocardico acuto con glucosio in ospedale maggiore o uguale a 144 mg/dL hanno un rischio di morte molto elevato indipendentemente dalla loro storia di diabete mellito. ( Xagena2009 )

Goyal A et al, Am Heart J 2009; 157: 763-770


Diagno2009 Endo2009 Cardio2009


Indietro