Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Confronto tra incidenza di sanguinamento e mortalità negli uomini rispetto alle donne con infarto miocardico con sopraslivellamento ST sottoposti a fibrinolisi


Le differenze correlate al sesso nella incidenza di sanguinamento e la sua relazione con la mortalità nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ), trattati con fibrinolisi, non sono ben definite.

Sono stati studiati i pazienti con infarto STEMI sottoposti a fibrinolisi, arruolati in 6 studi clinici.

Gli esiti hanno incluso emorragia moderata o grave, definita utilizzando i criteri del Global Utilization of Strategies to Open Occluded Aretries ( GUSTO ) e la mortalità corretta a un anno ( esclusi i decessi nelle prime 24 ore ).

Il sanguinamento moderato o grave è stato 1.9 volte maggiore nelle donne rispetto agli uomini ( 13.3% vs 7.1%, p minore di 0.0001 ).

Il sanguinamento è rimasto più alto nelle donne, anche dopo aggiustamento per le differenze basali ( odd ratio, OR=1.52 ).

In realtà, il sesso femminile è stato il secondo fattore prognostico più importante ( Wald chi-quadro 153.6 ) dopo l'età avanzata ( Wald chi-quadro 241.2 ) nel modello multivariato per il sanguinamento.

Nel complesso la mortalità a un anno è risultata simile in uomini e donne dopo aggiustamento per le differenze basali prognosticamente importanti ( hazard ratio, HR 1.06 ).
Tuttavia, dopo aggiustamento per i fattori confondenti di base e per il sanguinamento, il sesso femminile è risultato associato a un rischio inferiore di morte a 1 anno.

Così, la mortalità a 1 anno corretta è stata simile nelle donne rispetto agli uomini in assenza di sanguinamento ( HR=1.08 ), ma inferiore nelle donne rispetto agli uomini con sanguinamento ( HR=0.85, p per interazione di genere in base al sanguinamento=0.0016 ).

Il valore corretto più alto di mortalità a un anno è stato osservato negli uomini con sanguinamento ( HR=2.42 ), seguiti dalle donne con sanguinamento ( HR=2.05 ) e dalle donne in assenza di sanguinamento ( HR=1.08, con riferimento agli uomini in assenza di sanguinamento ).

In conclusione, nei pazienti con STEMI trattati con fibrinolitici, le donne con sanguinamento hanno una più alta incidenza ma più bassa mortalità rispetto agli uomini.

Questi dati sottolineano l'importanza di comprendere i fattori associati con le differenze di genere nel sanguinamento e rappresentano un'opportunità per migliorare i risultati in donne e uomini con STEMI trattati con fibrinolisi. ( Xagena2012 )

Mehta RH et al, Am J Cardiol 2012; 109: 320-326


Cardio2012 Farma2012


Indietro