Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Circostanze ed esiti di morte improvvisa inattesa nei pazienti ad alto rischio di infarto miocardico


La morte improvvisa è una complicanza frequente nei pazienti dopo infarto miocardico.
Le circostanze in cui si verifica morte improvvisa possono influenzare le strategie di prevenzione.

E' stata esaminata la documentazione di 1067 pazienti che sono incorsi in eventi di morte improvvisa nello studio VALIANT ( Valsartan in Acute Myocardial Infarction Trial ).

Sono state determinate le circostanze di questi eventi e valutata la mortalità a lungo termine nei pazienti che sono stati rianimati.
Informazioni sul luogo in cui si è manifestata la morte improvvisa erano disponibili in 978 dei 1067 pazienti, con 226 eventi che si sono verificati entro i primi 40 giorni.

Anche se la morte improvvisa si è verificata con più frequenza al domicilio ( 645 su 978, 66% ) rispetto all'ospedale ( 204 su 978, 21% ), la percentuale di eventi in ospedale è stata maggiore nella fase iniziale ( 99 su 226, 44% ).

I casi verificatisi a casa hanno avuto meno probabilità di essere assistiti indipendentemente dal lasso di tempo trascorso.

L'attività precedente è stata individuata per il 42% dei pazienti con morte improvvisa a domicilio; di questi, nel 52% è avvenuta durante il sonno, e questi pazienti, in generale, non sono stati assistiti.

La maggior parte dei pazienti, per i quali è stato riportato l'esame ECG iniziale, ha presentato tachicardia ventricolare o fibrillazione ventricolare ( 189 su 283, 67% ).

Dei 155 pazienti rianimati con successo, il 24% è stato sottoposto a impianto di un defibrillatore cardioverter ( ICD ).
Il 19% di coloro che hanno ricevuto un defibrillatore cardioverter impiantabile è morto successivamente, contro il 49% dei pazienti che non hanno ricevuto un ICD ( hazard ratio, HR=0.36, P=0.04 ).

In conclusione, un'alta percentuale di eventi di morte improvvisa dopo infarto miocardico ad alto rischio si è verificata a casa, ma i casi in ospedale sono stati più comuni nella fase iniziale.
I pazienti che dormivano hanno avuto una maggiore probabilità di avere arresti senza assistenza.
Le strategie alternative per la prevenzione della morte improvvisa nei pazienti che non sono candidati per il defibrillatore cardioverter impiantabile dovranno tener conto delle circostanze di insorgenza degli eventi di morte improvvisa. ( Xagena2011 )

Ye S et al, Circulation 2011; 123: 2674-2680


Cardio2011



Indietro