ACC Meeting
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio

Defibrillatore cardioverter impiantabile nei pazienti con bassa frazione di eiezione dopo infarto miocardico acuto


I defibrillatori cardioverter impiantabili ( ICD ) non sono raccomandati entro 40 giorni dall’infarto del miocardio; in tal modo, l'impianto di ICD potrebbe non essere preso in considerazione durante il passaggio alle cure post-infarto.

Sono stati esaminati i tassi di impianto di ICD e la mortalità associata tra i pazienti più anziani con infarto miocardico con bassa frazione di eiezione mediante uno studio osservazionale retrospettivo di beneficiari di Medicare con frazione di eiezione del 35% o meno dopo infarto miocardico, trattati presso 441 ospedali degli Stati Uniti tra il 2007 e il 2010, escludendo i pazienti con precedente impianto ICD.
Erano disponibili i dati di follow-up fino a dicembre 2010.

È stato confrontato l’impianto di ICD entro 1 anno da infarto miocardico versus nessun impianto di ICD entro 1 anno dall’infarto miocardico.

Le principali misure erano le caratteristiche del paziente associate con un ICD entro 1 anno dalla dimissione e mortalità a 2 anni associata con impianto di ICD.

Tra i 10.318 pazienti con infarto miocardico con frazione d’eiezione del 35% o inferiore, il tasso di impianto di ICD cumulativo a 1 anno è stato dell’8.1% ( n=785 ).

I pazienti con impianto di ICD presentavano una maggiore probabilità di avere precedenti procedure di bypass coronarico ( 31% vs 20%; hazard ratio aggiustato, aHR=1.49 ), più elevati livelli di picco di troponina ( mediana, 85 vs 51 volte il limite superiore della norma, aHR=1.02 per 10 volte superiore ), shock cardiogeno in ospedale ( 13% versus 8%; aHR=1.57 ) e follow-up di cardiologia entro 2 settimane dalla dimissione ( 30% vs 20%; aHR=1.64 ) rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto un ICD entro 1 anno.

L'impianto di ICD era associato a una minore mortalità a 2 anni ( 15.3 eventi per 100 anni-paziente, 128 decessi in 838 anni-paziente, vs 26.4 eventi per 100 anni-paziente, 3.033 decessi in 11.479 anni-paziente; aHR=0.64 ).

In conclusione, in questo grande studio di pazienti anziani con infarto miocardico nel periodo 2007-2010, meno di 1 su 10 pazienti eleggibili con bassa frazione di eiezione hanno ricevuto un ICD entro 1 anno dall’infarto miocardico, anche se l'impianto di ICD era associato a mortalità aggiustata per il rischio più basso a 2 anni.
Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare un approccio evidence-based per aumentare l'impianto di ICD nei pazienti eleggibili. ( Xagena2015 )

Pokorney SD et al, JAMA 2015; 313: 2433-2440

Cardio2015



Indietro